Codice Rosso e MyTutela contro la violenza

Approvate le nuove disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere: innovazione legislativa che rappresenta il primo passo verso una riforma processuale e, soprattutto, culturale. MyTutela si schiera al fianco delle vittime che decidono di denunciare, rappresentando altresì un utile strumento per le forze dell’ordine e la magistratura.

Cos’è il Codice Rosso 

Il c.d. “Codice Rosso” è un disegno di legge, approvato dalle Camere il 17 luglio 2019, che prevede modifiche al codice penale e di procedura penale in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

In linea con i principi dettati dalla Convenzione di Istanbul, le misure introdotte con il ddl sono atte a proteggere la sicurezza e la dignità delle vittime di violenza e dei loro familiari, con particolare riferimento al fenomeno della colpevolizzazione della vittima.

 

Codice Rosso per una Giustizia più veloce

 

Il principale scopo della nuova legge consiste, infatti, nel ridurre la durata massima delle indagini e dei processi, fornendo così alle vittime un canale preferenziale per ottenere giustizia. Va sicuramente in questa direzione la norma che stabilisce l’obbligo, per la polizia giudiziaria, di dare priorità alle indagini aventi ad oggetto reati di genere (escludendo in tal modo la possibilità di valutazioni discrezionali in tema di urgenza) e impone al magistrato di procedere all’ascolto della donna denunciante, entro tre giorni dalla denuncia.

 

MyTutela alleata del Codice Rosso

 

MyTutela rappresenta uno strumento in grado di fornire un aiuto fondamentale nella raccolta di elementi di prova utili ai fini delle indagini. Infatti, attraverso l’archiviazione in modalità forense dei dati dello smartphone, MyTutela è in grado di creare un  report con valore legale, da presentare in sede di denuncia e processo.  

 

Le principali modifiche introdotte dal Codice

 

Di fondamentale importanza risulta, poi, l’estensione ai reati di violenza sessuale del regime speciale attualmente previsto per i gravi delitti, con conseguente inasprimento delle pene riferibili agli stessi, nonché l’introduzione di nuove fattispecie delittuose come la “deformazione del volto” e il “revenge porn”, ossia la pratica di produrre o diffondere – senza il consenso delle persone rappresentate – immagini e video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito destinati a rimanere privati.

 

In queste circostanze, MyTutela diventa uno stimolo per denunciare, consentendo alle donne vittime di abusi di superare l’imbarazzo di dover riferire circostanze intime particolarmente delicate.

MyTutela: uno strumento fondamentale per il Codice Rosso

 

L’app MyTutela costituisce, in tal senso, un aiuto indispensabile per le Forze dell’Ordine e per la magistratura, in quanto fornisce in modo immediato le evidenze digitali, preziose per attivare le garanzie previste dal Codice Rosso.

 

MyTutela garantisce, dunque, un rilevante apporto al nuovo quadro normativo che viene a delinearsi con il “Codice rosso”, ponendosi in prima linea per la difesa delle vittime di abusi e violenze.

 

Se pensi di essere vittima di un reato, raccogli le prove e tutelati!

Non aspettare che sia troppo tardi.

Scarica MyTutela